I partiti tradizionali sembrano orientati verso le larghe intese ma il percorso è ancora lungo e accidentato

Una maggioranza di ‘unità locale’ per le Comunali? E il Draghi viterbese, chi sarebbe?

156

Tra Ursula e Draghi. I partiti tradizionali a Viterbo, non riuscendo a dipanare la matassa in vista delle Comunali, ora sembrano propensi a orientarsi su una possibile maggioranza di larghe intese.

Talmente larghe e ampie che potrebbero incamerare dalla Lega – anche se le dichiarazioni alla stampa del salviniano Fusco sembrerebbero escludere tale ipotesi – a Forza Italia, al Pd.

Al di là della litigiosità dei rappresentanti locali di cui abbiamo avuto prova nelle precedenti consiliature, il punto focale è: chi potrebbe essere il Draghi viterbese?

Dovrebbe essere una figura carismatica, competente, autorevole e soprattutto di polso, per tenere a freno il forte individualismo di alcune delle forze in campo.

Senza contare che, vista la difficoltà a mettere d’accordo anche soltanto tre gruppi – vedi il coordinamento unico del centrodestra -, pensare di riuscire a far convergere tante teste su un unico nome appare uno sforzo titanico.

Un’operazione che metterebbe in crisi anche i più esperti giocatori di Risiko.

Troppe sensibilità diverse, troppo distanti i valori per creare un amalgama funzionale a un governo cittadino che possa reggere quantomeno nel medio termine.

Viterbo non ha bisogno di un esecutivo eterogeneo, creato a tavolino per vincere. La città ha già dato.

Comunque se davvero si voterà l’11 e il 12 giugno – data che in queste ore si dà come la più accreditata – i partiti avranno un maggior lasso di tempo a disposizione per individuare il Draghi viterbese.

Intanto guardiamoci intorno: vi viene qualche idea su chi potrebbe ricoprire tale ruolo?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui