Una Notte di Mezzo da paura a Viterbo! Successo per l’Halloween nostrano

Streghe, maghi, zombie: un'allegra compagnia da brivido ha popolato la Notte di Mezzo viterbese

820

Una Notte di mezzo da paura! Streghe, maghi, zombie: un’allegra compagnia da brivido ha popolato la Notte di Mezzo viterbese. Tantissimi bambini divertiti hanno partecipato a questa sorta di Carnevale dell’horror. La Notte di Mezzo nella nostra città, in realtà, dura tre giorni con la riscoperta di tradizioni e natura.

Il presidente dell’associazione culturale Argot, Jacopo Malachin, presentando l’iniziativa, ha chiarito a tutti che la ‘Notte di mezzo’, in programma dal 31 ottobre al 2 novembre, sarebbe stata costituita da una serie di eventi legati sì alla festa di Halloween, ma anche alle tradizioni locali, volte a riscoprire la natura e le tematiche ambientali, seguendo la tesi che trova, nella tradizione di Halloween, radici europee e italiane.

Nella Notte di Mezzo infatti veniva in passato celebrato il passaggio dal periodo caldo estivo-autunnale a quello del freddo invernale. La Notte di Mezzo viterbese è un contenitore culturale e anche giocoso, alla riscoperta delle tradizioni con conferenze dedicate ad adulti e bambini. Tante iniziative legate ai tarocchi: diversi locali del cuore di Viterbo hanno aderito e sono stati molto affollati ieri sera, 31 ottobre, grazie alla serata a tema. Molto divertente il truccabimbi, organizzato dalla Tana degli Orchi. Dopo le 17, bambini e ragazzi hanno, chiassosamente ma ordinatamente, rallegrato il centro. Streghe buone hanno distribuito loro caramellle fornite dalla Conad di via Vico Squarano e Orte. Tutti divertiti alla ‘caccia delle streghe’, organizzata dal Centro sociale polivalente Pilastro e nei viaggi nel cosmo a bordo di navi interstellari, organizzati da Viterbo sotterranea. Favole e filastrocche, bolle di sapone e trampolieri, oltre ai dolcetti e agli scherzetti, per i più piccoli. Molto apprezzati gli allestimenti di piazza della Morte e piazza San Pellegrino, con zucche e fantasmi, curati dall’artista Telari.

La tradizione di omaggiare i morti la sera di Halloween con i bambini in cerca di doni alimentari nelle case usanza molto antica e radicata, addirittura in Sicilia.
La descrisse, emozionando i lettori, Andrea Camilleri nei Racconti quotidiani.

Oggi gli eventi continuano con appuntamenti culturali da brivido da non perdere. Inoltre, con Astronomitaly si potranno effettuare viaggi virtuali nello spazio. Il 2 novembre ci sarà uno spazio dedicato agli animali, con il concorso Gatto Pellegrino, alle ore16, presso Viterbo Sotterranea, in piazza della Morte. Si può portare il proprio gatto, a partire dalle 15.30, iscriversi direttamente sul posto, gratuitamente. Alle 16.30 inizierà il concorso. Al primo classificato andrà un buono spesa di 50 euro da utilizzare presso l’Angolo degli animali. Prosegue dunque a Viterbo una tradizione che affonda le sue radici nella notte dei tempi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui