La Regione manca ancora una volta alla parola data

Una settimana in più di “monnezza” romana a Viterbo. Ora basta. Un commissario per i rifiuti!

111

Eravamo stati facili profeti anche stavolta. Per l’ ennesima volta la Regione è venuta meno ai suoi impegni nei confronti di Viterbo, trattata come la provincia cenerentola del Lazio.

 

Il direttore Giovanni Masotti

I rifiuti provenienti dalla capitale, sepolta dal malgoverno della Raggi, non smetteranno oggi – com’ era stato assicurato ufficialmente – di intasare la discarica viterbese, che comincia a riempirsi pericolosamente. Macché… Siamo di fronte a un rinvio: almeno una settimana in più (fino al 27) prima che la mondezza romana venga indirizzata verso siti toscani ed emiliani e tolga il disturbo dalle nostre parti. Ma voi mettereste la mano sul fuoco sul fatto che si tratterà di aspettare solo sette giorni in più prima di vedere sgretolarsi l’ incubo dei rifiuti provenienti da Roma? Noi, visti i precedenti, non siamo affatto tranquilli. Anzi temiamo brutte sorprese, anche perché l’ accordo tra Lazio, Toscana ed Emilia-Romagna è ancora di la’ da venire. È alle porte un altro pasticciaccio brutto? Non lo escluderemmo affatto. I nostri amministratori avrebbero dovuto parlare forte e chiaro con gli interlocutori della Pisana. Invece hanno peccato di remissivita’ e i marpioni ne hanno approfittato. Come dice la Lega, occorrerebbe che ci si decidesse a commissariare la gestione dei rifiuti nel Lazio. Ma chi si sentirebbe di adottare una decisione così scomoda e “politicamente scorretta”? Speriamo non serva alzare le barricate per impedire un nuovo scempio contro Viterbo, che ne ha piene le scatole di essere considerata la pattumiera della regione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui