Un’altra donna uccisa: tragedia in via Draconzio

225

Roma – Un altro femminicidio. L’ennesimo. La tragedia è avvenuta stavolta in un appartamento di Via Draconzio, in zona Medaglie D’oro: una donna di 63 anni, Lorella Tomei, è stata trovata morta, probabilmente uccisa con colpi alla testa e al volto con l’uso di oggetti. Sembra che i colpi siano stati inferti dal marito, 61 anni, giornalista e autore di diversi programmi Rai fra cui Linea Verde, figlio della segretaria di Licio Gelli.

Dopo aver colpito la moglie, Lorella Tomei con più colpi alla testa, ha chiamato il figlio per avvisarlo che la madre era vicina a lui, priva di sensi.

Il ragazzo ha subito avvisato le forze dell’Ordine che, arrivate in via Draconzio, sono riuscite ad entrare all’interno della casa solo grazie al valido aiuto dei Vigili del Fuoco.

Intervenuti i Carabinieri del Nucleo Radiomobile e della Compagnia Trionfale, hanno trovato l’uomo sdraiato sul letto accanto alla moglie ormai morta.

L’uomo è stato portato in evidente stato d’agitazione, inizialmente al pronto soccorso dell’ospedale Santo Spirito. Poi è stato ricoverato nel reparto di psichiatria del San Filippo Neri.

I militari della sezione rilievi tecnico scientifici del Nucleo Investigativo di via in Selci hanno effettuato i rilievi nella casa dei coniugi per ricostruire l’accaduto.

Sono stati individuati alcuni oggetti -un vaso e una cornice – che potrebbero esser stati utilizzati dall’assassino per colpire e uccidere la vittima.

L’uomo fermato fu protagonista nel 2019 di un episodio particolare: con il suo motorino si era lanciato a tutta velocità in piazza San Pietro tentando di superare i varchi anti-terrorismo e le transenne urlando: «Sono un giornalista».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui