Unitus: incontri per coinvolgere le ragazze sulla formazione scientifica

Università degli Studi della Tuscia ha organizzato una serie di incontri con alcuni Istituti superiori di Viterbo e provincia per coinvolgere le ragazze sulla formazione scientifica.

319
universitari

Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la medicina nel 1986, sempre in prima fila nel portare avanti la questione femminile, ha più volte affermato che “occupare una posizione di responsabilità per le donne fosse un dovere, non un diritto, e questo valesse in tutti i campi, compresi quelli scientifici e tecnologici”.

Muovendo da questo richiamo l’Università degli Studi della Tuscia ha organizzato una serie di incontri con alcuni Istituti superiori di Viterbo e provincia per coinvolgere le ragazze sulla formazione scientifica.

Nella scelta del percorso di studi universitari, infatti, per le materie STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) esiste un forte gap di genere. Numerose ricerche e statistiche condotte a livello internazionale confermano che siano sempre più ragazzi che ragazze ad intraprendere i percorsi formativi di area scientifica.

Gli incontri saranno coordinati dal professor Giuseppe Calabrò, presidente del Corso di laurea in Ingegneria Industriale del Dipartimento Deim. Le attività includeranno testimonianze al femminile su varie tematiche quali la scienza, l’ingegneria, la fisica, l’economia, l’ambiente e la sostenibilità. Gli appuntamenti vorranno essere un momento di confronto e stimolo volto a infondere interesse all’insegna di un approccio consapevole di quanto bisogno ci sia, di presenza femminile qualificata, in tutti i settori di massima innovazione e competitività.

All’esito degli incontri, verranno raccolti interessanti feedback su quali siano quindi le reali opportunità da cogliere per superare tutte le problematiche connesse “al genere” raggiungendo la piena parità di accesso che, secondo le Nazioni Unite, si rende necessaria per raggiungere gli obiettivi di sviluppo, concordati a livello internazionale, compresi quelli previsti dall’Agenda 2030 ONU per lo sviluppo sostenibile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui