Riceviamo e pubblichiamo

Università della Tuscia, sintetizzata molecola che ringiovanisce il cervello

784
Cura Coronavirus

Si chiama “idrossitirosolo” una molecola, presente nell’olio di oliva, tra le più promettenti per applicazioni in campo agronomico, alimentare, cosmetico e farmaceutico sintetizzata nel laboratorio del DAFNE dell’Università della Tuscia su larga scala. A darne notizia Roberta Bernini, professoressa associata di Chimica Organica e coordinatrice del dottorato di ricerca in Scienze delle Produzioni Vegetali e Animali del DAFNE. “Si tratta-afferma- di una sostanza fenolica di piccole dimensioni ma dotata di peculiari proprietà biologiche, prime tra tutte l’attività antiossidante. E’, infatti, in grado di contrastare i radicali liberi ossia le specie altamente reattive responsabili del processo di invecchiamento cellulare e dell’insorgenza di numerose patologie”.

Il Laboratorio di Chimica Organica e delle Sostanze Naturali del Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali (DAFNE) dell’Università degli Studi della Tuscia ha una esperienza pluriennale nella sintesi di molecole bioattive e nell’estrazione di sostanze naturali da matrici vegetali e sottoprodotti agroalimentari. E proprio una recente ricerca, svolta in collaborazione tra l’Università della Tuscia e il Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Biochimica e Biologia Cellulare (CNR-IBBA) su un modello animale adulto ed anziano, ha evidenziato che l’assunzione orale di idrossitirosolo per un mese stimola la neurogenesi, ossia la produzione di nuovi neuroni indispensabili per la memoria episodica; induce la proliferazione delle cellule staminali; riduce alcuni marcatori dell’invecchiamento ed aumenta la funzionalità dell’ippocampo. In pratica, “ringiovanisce” il cervello degli anziani.

Si tratta di una ricerca estremamente importante non solo per i risultati sperimentali ottenuti ma anche perché conferma il ruolo salutistico della dieta mediterranea e quello sostenibile dell’economia circolare. Infatti, l’idrossitirosolo è naturalmente presente nell’olio extra-vergine di oliva, uno degli alimenti basilari della dieta mediterranea e può essere recuperato dai sottoprodotti oleari nei quali confluisce durante la produzione di olio in accordo con la moderna strategia dell’economia circolare a vantaggio della sostenibilità ambientale.

Insieme alla professoressa Bernini, hanno preso parte allo studio i professori Luca Santi e Carla Caruso, i dottorandi di ricerca Mariangela Clemente e Giorgio D’Andrea dell’Università della Tuscia; i dottori Felice Tirone, Laura Micheli e Manuela Ceccarelli che hanno condotto i saggi biologici presso il CNR-IBBA. I risultati sono stati pubblicati qualche giorno fa su una prestigiosa rivista scientifica internazionale (The Faseb Journal).

UNITUS

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui