Vacanze alternative: la Via Francigena e il Sentiero degli dei battono Santiago de Compostela

I cammini italiani sono molto gettonati e ambiti. Molto spesso è Roma il punto di arrivo di questi cammini

217

La via Francigena e la Via degli dei battono Santiago de Compostela. Sono infatti ben 32.338 le persone che nel 2018 hanno chiesto la credenziale per uno degli itinerari nel Belpaese, contro i 27.009 italiani arrivati alla Cattedrale di Santiago. Non era mai successo prima!

I cammini italiani sono molto gettonati e ambiti. Molto spesso è Roma il
punto di arrivo di questi cammini.

In Italia il Cammino preferito resta la Via Francigena, con 17.092 credenziali richieste, seguita dai cammini francescani (Via di Francesco e Di qui passò Francesco, 7.352), dalla Via degli Dei (3.800), dal Cammino di San Benedetto (2.106), dai Cammini francigeni di Sicilia (1.426) e dalla Via Romea Germanica (652).

I camminatori sono in maggioranza uomini, di buon livello culturale, secondo le statistiche. Nel 1994 il Consiglio d’Europa conferiva alla Via Francigena la menzione di “Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa”, uno dei massimi riconoscimenti continentali.

Fu nei secoli IX e X che prese forma la “Via Francigena”, l’incredibile infrastruttura che collegava Canterbury (nell’attuale Inghilterra meridionale) a Bari (circa 3.200 Km), dove ci si poteva imbarcare per la Terrasanta.

La Francigena attraversava Reims (Francia), Lausanne (Svizzera), le Alpi nei valichi Monginevro o Moncenisio (talvolta nel Grande e nel Piccolo San Bernardo), Pavia – già capitale longobarda – sino a Piacenza, dove avveniva il “transitus Padi”, ossia l’attraversamento in barca del Po. Nel Comune di Calendasco (dove era l’antico porto fluviale) è ancora conservata la “colonna del pellegrino”.

A sud del Po la via passava quindi per Lucca e per Siena, per poi innestarsi
sulla Consolare Cassia, toccando Acquapendente, Bolsena, Montefiascone, Viterbo, Capranica, Sutri e Monterosi. Alla Storta i viaggiatori prendevano la “Via Triumphalis” per
raggiungere il Vaticano.

L’ingresso al piazzale di San Pietro avveniva attraverso la “via del Pellegrino”. L’antica arteria religiosa europea custodisce un vero tesoro etnografico: nei secoli i viaggiatori hanno lasciato preziose tracce del loro passaggio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui