Vacanze esotiche, belle ma… molto rischiose!

In Giappone a marzo scorso è stata segnalata un’epidemia di rosolia. Questa è particolarmente pericolosa per le donne in gravidanza e il nascituro.

0
132
Segui
( 0 Followers )
X

Segui

E-mail : *

Le vacanze esotiche sono un’esperienza indimenticabile e hanno un fascino irresistibile. Ma affinché non si trasformino in un soggiorno spiacevole bisogna prendere alcune precauzioni. Prima di partire, o meglio, quando si pianifica un viaggio in terre lontane, è consigliabile consultare i siti del Ministero della Salute, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che forniscono sempre informazioni dettagliate sulle emergenze sanitarie presenti nei vari Paesi e le precauzioni da prendere. Si va dalle epidemie da cui proteggersi fino alle consuete vaccinazioni obbligatorie in alcuni viaggi internazionali. Tra i sintomi alla base delle più comuni malattie infettive ci sono febbre, rash cutanei e diarrea acuta. Nel continente Africano, in particolare nell’Africa sub sahariana è più facile contrarre malattie come la malaria mentre mentre nel Nord Africa sono più diffuse le infezioni intestinali. Nel Sud Est Asiatico è alto il rischio di contagio da epatite A, tifo e colera. In America Latina, oltre all’elevata frequenza delle infezioni intestinali, sono molto frequenti infezioni virali trasmesse da zanzare (zika, dengue chikungunya).

In Indonesia, una delle mete più affascinanti per i viaggiatori, le autorità segnalano la presenza di un’epidemia di poliomelite, una malattia ormai scomparsa in Europa e in gran parte del mondo. Il ministero della Sanità raccomanda quindi di effettuare una vaccinazione completa per essere protetti.

Anche il Brasile riserva un’insidia. Chi è attirato dalle sue coste selvagge e dalle foreste incontaminate, deve anche sapere che è in corso una epidemia di febbre gialla. Questa malattia infettiva, spesso fatale per chi non è vaccinato, si trasmette tramite zanzare. Lo stesso problema ripresenta in Nigeria. Obbligatorio quindi vaccinarsi. Chi lo ha fatto più di dieci anni fa deve fare un richiamo.

In Giappone a marzo scorso è stata segnalata un’epidemia di rosolia. Questa è particolarmente pericolosa per le donne in gravidanza e il nascituro.

Semaforo rosso per il Venezuela dove oltre a motivi di sicurezza come segnala il sito della Farnesina, ci sono problemi sanitari. Sono state rilevate epidemie di epatite virale, ameba e un aumento dei casi di malaria, morbillo, Aids e tubercolosi.

Le vaccinazioni si eseguono prima di partire presso la propria ASL di riferimento e vengono registrate su di un Certificato Internazionale di Vaccinazione da mettere in valigia.

E’ opportuno informarsi sempre preventivamente in quanto alcune profilassi e vaccinazioni vanno effettuate due mesi prima della partenza.

Le vaccinazioni consigliate a chi viaggia verso paesi intercontinentali, in alcuni casi obbligatorie, sono in genere quelle per la febbre gialla, Morbillo, Colera, Poliomelite, Difterite e tetano, Febbre tifoide, Epatite virale B e A, Rabbia, Tubercolosi, Meningite e profilassi anti malarica.

Per i viaggi verso la Cina è consigliata la vaccinazione contro l’encefalite giapponese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here