Dopo gli over 80 e i fragili, si pensa di dare priorità agli insegnati, tra i primi ad aver ricevuto il vaccino lo scorso inverno

Vaccini, ipotesi terza dose per gli over 50 entro fine anno

129

Vaccini, con l’aumento delle somministrazioni delle terze dosi addizionali – che hanno superato quota un milione nel nostro Paese – il Governo pensa di ampliare la platea a cui destinarle e di accelerare sui tempi, per evitare recrudescenze della pandemia.

L’idea – presentata in queste ore dal sottosegretario alla Salute Andrea Costa – sarebbe quella di iniziare la somministrazione delle dosi aggiuntive a tutta la popolazione over 50 entro la fine del 2021, seguendo sempre lo scherma delle fasce d’età decrescenti, come nella prima fase della vaccinazione.

Il ministro Bianchi ha chiesto di dare precedenza – dopo over 80 e persone fragili – agli insegnanti, tra i primi ad aver ricevuto il vaccino all’inizio della campagna di immunizzazione lo scorso inverno.

In Italia il numero totale di persone che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino è salito a 44.535.868 (82,46% della popolazione over 12); il prossimo obiettivo dichiarato dal commissario Figliuolo è quello di raggiungere il 90% degli italiani, convincendo coloro che sono ancora restii alla vaccinazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui