Potrebbe consentire maggiore libertà di spostamenti a chi ne sarà in possesso

Vaccino anti Covid, non è obbligatorio ma la Regione sta lavorando al patentino vaccinale

429

E’ fortemente consigliato ma non obbligatorio. Sinora questo veniva detto in merito al sottoporsi al vaccino anti Covid. 

Il ‘fortemente consigliato’ sembrerebbe però sul punto di trasformarsi in una sorta di spartiacque tra cittadini – quelli vaccinati e quelli che hanno ancora delle perplessità – con l’ipotizzata introduzione del patentino vaccinale.

Sul progetto, per il rilascio di un ‘lasciapassare’ per le persone che si sono vaccinate contro il Covid nel Lazio, sarebbero al lavoro – attualmente in fase di discussione – l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato con i dirigenti dell’Unità di Crisi Covid e i direttori generali delle Asl.

Il documento, che potrebbe essere distribuito intorno a metà febbraio, dovrebbe facilitare gli spostamenti di coloro che si sono sottoposti a vaccinazione contro il Covid, permettendo anche viaggi al di fuori della propria regione. Verosimilmente dovrebbe anche consentire libero accesso anche a locali attualmente serrati, come cinema, teatri e palestre.

Ovviamente per ottenere il patentino sarà necessario vaccinarsi contro il Covid. 

Il documento poi potrà essere scaricato online tramite il sito ‘Salute Lazio’ o un’app dedicata e si potrà accedere con le credenziali dello Spid, il sistema pubblico d’identità digitale.

Non è ancora chiaro se la Regione potrà validare, in maniera autonoma, il patentino – e quindi le misure più leggere in termini di restrizioni – o se dovrà attendere il beneplacito di Governo e Parlamento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui