Il gruppo di opposizione tappezza il paese con dei manifesti in cui viene smascherato il progetto Sprar

Vallerano Tricolore attacca il Pd sull’accoglienza: “192mila euro all’anno, ora basta!”

259

Da quando il gruppo Vallerano Tricolore si è insediato all’interno del Consiglio comunale valleranese tra i banchi dell’opposizione, uno dei suoi cavalli di battaglia è stato sicuramente il progetto Sprar, ovvero quello relativo all’accoglienza immigrati.

Vallerano Tricolore, nelle figure dei tre consiglieri Jacopo Polidori (capogruppo), Marco Ricciardi e Pierpaolo Armenti, è sempre stato contrario al prosieguo del progetto. In Consiglio la maggioranza Pd, forte dei numeri, è riuscita anche a bocciare la mozione presentata da Polidori ed i suoi che era piuttosto chiara: “Non rinnovare il progetto alla data di scadenza”.

Oggi il gruppo d’opposizione valleranese ha regolarmente affisso manifesti sulle plance elettorali del paese cimino, nel testo del manifesto si tenta di spiegare ai cittadini come questo progetto sia “solo business e non reale integrazione”.

“La maggioranza consiliare del Comune di Vallerano vota a favore per il proseguimento del progetto di accoglienza rifugiati, che sta portando avanti dal 2016 con soldi pubblici: 192.200 euro all’anno di progetto con fondi ministeriali, comprensivi anche di un 5/6% di soldi del nostro bilancio”, si legge nel manifesto.

Poi la rivelazione che probabilmente Partito Democratico ed Arci non riusciranno a mandare giù facilmente: “Il 26 maggio 2020, proprio durante l’emergenza Coronavirus, mentre cittadini e aziende erano a terra e lo sono tuttora, si è pensato bene di prorogare il progetto fino al 2023. Nonostante ad oggi non abbiamo avuto modo di capire nemmeno il vero scopo del progetto e le sue finalità, visto i documenti mancanti o non completi, abbiamo portato in Consiglio comunale la proposta di non rinnovare il progetto alla data di scadenza naturale, che per noi è solo business e non reale integrazione, viste anche alcune buste paga degli operatori Arci, la cooperativa che gestisce questo progetto, che arrivano in alcuni mesi anche sopra agli 8.000 euro”.

“Siamo stati definiti sovranisti e xenofobi – conclude il testo redatto da Vallerano Tricolore – ma se questo vuol dire tutelare l’interesse dei Valleranesi, degli italiani ed opporci a questo piano di sostituzione di popolo… lo accettiamo di buon grado!”.

Di seguito, uno dei manifesti affissi sulle plance.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui