Sentenza storica in Gran Bretagna

Veganesimo, in Inghilterra una sentenza lo paragona a una religione e lo tutela

384

Il veganesimo è pari a una filosofia o a una religione, quindi è protetto dalla legge e va tutelato: la sentenza storica arriva dalla Gran Bretagna, dove il giudice Robin Postle ha fatto rientrare lo stile di vita nell’ambito dei diritti garantiti dall’Equality Act.

Tutto parte dal ricordo di un vegano, discriminato dall’azienda dove lavora e addirittura licenziato a causa delle sue convinzioni riguardo la dita a base di verdure. L’uomo aveva scoperto che l’impresa – impegnata nella tutela degli animali – investiva, paradossalmente, parte del fondo pensione in una società impegnata negli esperimenti sugli animali. Da qui è partita la sua crociata, atta a sensibilizzare i colleghi sul fatto e, infine, è giunto il licenziamento.

L’uomo si definisce un “vegano etico” e, oltre a nutrirsi unicamente di vegetali, non indossa capi di abbigliamento di derivazione animale. Niente lana, pelle, pellicce e affini. Si muove a piedi perché i veicoli rischiano di uccidere insetti e investire animali… insomma, vive in totale simbiosi con la natura.

Una sentenza davvero storica, quindi, che ha visto la vittoria dell’amico degli animali contro “il sistema”. Per lui, ovviamente, la soddisfazione è stata massima. Anche se, probabilmente, dovrà comunque trovarsi un nuovo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui