Finalmente. Dopo tante cortine fumogene

Vicini alla verità sull’assassinio del maresciallo Rega, a due giorni dalla Virgo Fidelis!

1442
mario rega
Il carabiniere Mario Rega, ucciso a coltellate a Roma da un americano

Il 21 novembre l’Arma dei Carabinieri festeggerà la Virgo Fidelis. A pochi giorni da questa sentita ricorrenza, si fa finalmente luce sull’assassinio, avvenuto l’estate scorsa, di un Carabiniere: Mario Cerciello Rega.

“Ho visto due sbirri (I saw two cops) di cui uno più basso — dice Elder, uno dei presunti criminali, in un’intercettazione — Ci hanno fatto vedere velocemente i distintivi”.
Due sbirri. Che vale la vita di uno di quegli sbirri per un criminale?!

Quegli “sbirri” erano Mario Cerciello Rega, ucciso poi con 11 coltellate, e Andrea Varriale. Due “sbirri”, due Carabinieri che hanno pagato a caro prezzo, uno con la morte, la loro dedizione al dovere.

Non ci sono dubbi. Erano ben consapevoli, Finnegan Lee Elder, di soli 18 anni, e Gabriel Natale Hjorth, di 19 anni, che fossero due “sbirri”, visto che lo affermano: l’uccisione del carabiniere Mario Cerciello Rega non è dunque stata la reazione a un’aggressione compiuta da due adulti sconosciuti, né una risposta dettata da legittima difesa, la notte fra il 25 e il 26 luglio nel quartiere Prati, a Roma.

L’Italia intera era nauseata dalle bugie dei due presunti criminali! Finalmente si fa chiarezza.

La conversazione è stata ascoltata dai carabinieri e risale al 2 agosto scorso, a pochi giorni dal fermo. Si trattava di colloquio avvenuto tra Elder, il padre e Craig Michael Peters, avvocato penalista americano. Quest’ultimo, entrato nel carcere romano di Regina Coeli in qualità di amico di famiglia, non è stato nominato legale di fiducia, quindi l’intercettazione è utilizzabile.

Lo stesso Varriale aveva già affermato di aver sentito più volte il collega Cerciello urlare: “Fermati! Siamo carabinieri”».

I due presunti criminali sapevano con chi avevano a che fare: anche l’ennesima delle “schifose” bugie raccontate dai due ragazzi americani è stata smentita!

La ricorrenza della Patrona dell’Arma è stata fissata da papa Pio XII per il 21 novembre, giorno in cui cade la Presentazione della Beata Vergine Maria e la ricorrenza della battaglia di Culqualber.

Per Mario Cerciello Rega e per coloro che hanno perso la vita compiendo fino all’ultimo il loro dovere, sale la nostra preghiera alla Virgo Fidelis, affinchè venga almeno adesso, finalmente, dopo mesi d’indagini e bugie, fatta giustizia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui