Vincolo soprintendenza, il Comune ha fatto ricorso al Presidente della Repubblica

186
Verso sud, la zona interessata dal vincolo della Soprintendenza. Foto di Diego Galli

Mentre si sta decidendo dove sorgerà la sede della nuova Soprintendenza che il MiBaCT ha voluto “dedicare” a Viterbo e all’Etruria Meridionale, il Comune “insorge” contro il vincolo imposto da Roma che ha paralizzato un’area di circa 1600 ettari del capoluogo.

La notizia, che dovrà attendere una risposta ufficiale prima di poter essere definita come “buona”, è arrivata ieri in sede di consiglio direttamente dall’Assessore all’Urbanistica Claudio Ubertini.

L’uomo della Lega ha spiega come il Comune sia arrivato a prendere tale decisione dopo aver capito di non poter rientrare nei termini del ricorso al Tar.

Le parole di Ubertini sono state accolte con sollievo da gran parte dei consiglieri, anche dalla minoranza, in particolar modo da Giacomo Barelli (Forza Civica): “Ottima notizia, ma l’amministrazione doveva muoversi prima”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui