Viterbese, chi contro il Bari? Sul mercato è allarme Atanasov

219
Viterbese-Monza

Continua il lavoro sul doppio fronte per la Viterbese. Tra campo e mercato, infatti, la società gialloblù è in costante attività per iniziare al meglio questo nuovo anno e costruire le basi per i prossimi. Se il presidente Marco Arturo Romano e la dirigenza sono occupati con il calciomercato, Calabro, il suo staff e giocatori sono concentrati sugli allenamenti. Non può essere altrimenti, visto che tra due giorni riprenderà il campionato. Al “Rocchi”, domenica alle ore 15:00, prenderà via la seconda giornata di ritorno, con il Bari a far visita alla Viterbese. L’obiettivo dei gialloblù è quello di dare continuità al successo casalingo ottenuto contro il Francavilla nell’ultima gara dell’anno, datata nel “lontano” 15 dicembre 2019.

Il compito di battere il Bari è estremamente difficile. I biancorossi di Vivarini, infatti, si trovano al secondo posto in classifica, con l’obiettivo di tornare in corsa per la vittoria finale nonostante la presenza di una Reggina mai doma. Dato per favorito alla vigilia del campionato, il Bari ha avuto un inizio negativo con Cornacchini in panchina. Dopo il cambio, però, e l’arrivo di Vincenzo Vivarini, la squadra pugliese è tornata a dimostrare il suo valore, non perdendo una partita da settembre. La missione per la Viterbese, quindi, è ardua. Ma i leoni possono avere una spinta in più proprio dal passato. Nel girone di andata, infatti, i gialloblù di Lopez espugnarono il San Nicola con un netto 3-1, mandando al settimo cielo tutto l’ambiente.

Bari-Viterbese 1-3

Il Bari di adesso, tuttavia, è tutta un’altra squadra sotto il profilo del rendimento. Chi non è cambiato, invece, è proprio la Viterbese. Già per la partita di domenica, Calabro avrebbe voluto qualche giocatore in più a disposizione, ma il mercato in entrata ha detto ancora poco. L’unico arrivo, peraltro non ancora ufficiale, è quello dell’attaccante classe ’97 Aimone Calì. Considerando le assenze pesantissime di Atanasov, De Giorgi e Tounkara, allora, la rosa sarà ancor meno pronta. Non è da escludere che Calabro stia pensando anche ad un cambio modulo o qualche novità nello scegliere l’undici anti-Bari.

Si sa, comunque, che portare a termine operazioni di mercato non è mai facile. La Viterbese non è assolutamente ferma, anzi, sta cercando le giuste pedine da regalare all’organico. Le esigenze principali sono sempre quelle, esterno a sinistra e difensore centrale. Per questo ultimo ruolo è sfumata la trattativa per Dumancic, gli occhi ora sono puntati verso Stefano Negro del Monza. Poco impiegato quest’anno, il difensore classe ’95 può fare molto comodo per qualità ed età. La Viterbese segue anche Francesco Verde, centrale classe 2000 di proprietà del Frosinone e impiegato nella formazione primavera. Per quanto riguarda la fascia è sfumata la pista Gallo. I gialloblù, allora, stanno pensando a un ritorno di Andrea Peverelli, attualmente in Eccellenza.

Stefano Negro

 

Si accende anche il capitolo uscite. La notizia è che Scalera, Svudercoschi e Pacilli si stanno allenando a parte e non per problemi fisici. I tre, evidentemente, sono sul mercato e a breve potrebbero accasarsi altrove. Stessa sorte potrebbe toccare anche a Zanoli, Milillo e Bianchi, per i quali non è da escludere una cessione, anche in prestito. Il nodo più controverso, però, è quello che riguarda Zhivko Atanasov. Il bulgaro è in scadenza di contratto e corteggiato dal Catanzaro, società che lo prenderebbe da subito. Una situazione da risolvere al più presto, molto dipenderà dalla volontà del capitano gialloblù.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui