Viterbese deludente sconfitta in casa, al “Rocchi” passa il Potenza 3-1

242

 Troppo poca Viterbese. Allo stadio “Rocchi” vince il Potenza 3-1 senza fare grandi cose contro una deludente Viterbese. Gli ospiti vanno in vantaggio 2-0 grazie alla doppietta di Murano, al 76’ Volpe illude una rimonta che stavolta non arriva, perché Ricci mette il sigillo alla partita con uno splendido goal all’80’. Subito dopo Tounkara perde la testa, facendosi espellere per un intervento volontario ai danni di Ioime. Un risultato frutto più di demeriti gialloblù che di meriti degli ospiti. La squadra di Calabro ha fatto grande fatica a costruire gioco, non riuscendo praticamente mai a tirare in porta. Quella di oggi, per i leoni, è la seconda sconfitta consecutiva, oltre che una prestazione che rappresenta sicuramente un passo indietro rispetto alle ultime uscite.

Viterbese-Potenza: 1-3

Viterbese (3-4-1-2): Pini; De Giorgi, Negro, Markic; Bianchi (dal 32’ Simonelli), Bensaja (dal 95’ E.Menghi), Besea (dal 49’ Antezza), Errico; Molinaro (dal 46’ Urso); Bunino (dal 46’ Volpe), Tounkara. A disp: Biggeri, Vitali, Antezza, Scalera, Bezziccheri, E.Menghi, Corinti, Volpe, Zanoli, De Falco, Urso, Simonelli. Allenatore: Antonio Calabro.

Potenza (3-4-3): Ioime; Sales (dal 95’ Di Somma), Giosa, Emerson; Coccia, Coppola (dal 95’ Dettori), D’Angelo, Silvestri; Ricci (dall’86’ Viteritti), Murano (dall’83’ Ferri), Golfo (dall’83’ Volpe). A disp: Santopadre, Viteritti, Panico, Dettori, Franca, Grande, Gassama, Volpe, Di Somma, Ferri, Longo, Souare. Allenatore: Giuseppe Raffaele.

Arbitro: Michele Di Cairano di Ariano Irpino.

Reti: 16’ Murano (P), 53’ Murano (P), 76’ Volpe (V), 80’ Ricci (P).

Ammoniti: 30’ Errico (V), 39’ Tounkara (V), 41’ Besea (V), 67’ D’Angelo (P), 79’ Antezza (V), 89’ Silvestri (P).

Espulsi: 81’ Tounkara (V).

Recupero: 0’ P.T; 6’ S.T.

 La Viterbese affronta il Potenza al “Rocchi” per tornare a fare punti dopo la sconfitta rocambolesca di Vibo. Antonio Calabro si affida al 3-4-1-2, con Molinaro ad agire alle spalle di Bunino e Tounkara. De Giorgi arretra in difesa per sostituire lo squalificato Baschirotto, Markic e Negro completano il reparto davanti a Pini. Sulle fasce Bianchi ed Errico, Bensaja e Besea compongono la cerniera di centrocampo. Il Potenza di Giuseppe Raffaele risponde con il 3-4-3 per ritrovare una vittoria che manca da tre giornate. Ricci, Murano e Golfo è il tridente che i gialloblù devono arginare, ma non mancano nomi grossi anche negli altri reparti.

Ritmi alti e tanto equilibrio nei primi minuti di gara, le due squadre non si risparmiano e lottano su ogni pallone con intensità e determinazione. Ne esce fuori un inizio di partita vivace e divertente, nel quale la prima palla goal viene costruita dalla Viterbese. Al 7’, infatti, Bensaja mette in area una palla deliziosa verso Tounkara, il quale, però, da pochi passi, non riesce a impattare bene mandando a lato. L’atteggiamento dei gialloblù è positivo, ma manca precisione quando la palla arriva negli ultimi metri di campo. Il Potenza, invece, non fa sconti, e alla prima sortita offensiva colpisce duramente la Viterbese. Al 16’, allora, gli ospiti passano in vantaggio: Coccia arriva sul fondo e crossa rasoterra verso l’area, Murano si smarca e incrocia con precisione sul secondo palo battendo Pini.

La partita rimane viva e intensa, anche se non pregevole dal punto di vista tecnico. La lotta è furibonda su ogni pallone, il quale viaggia più in aria che a terra. In termini di grinta e spirito, la Viterbese non sta deludendo, ma in fase di possesso e di costruzione di gioco ci sono molti problemi. Per questo motivo Calabro non è soddisfatto di alcuni dei suoi e decide di dare una scossa effettuando il primo cambio già al 32’. A uscire è Edoardo Bianchi, a entrare, invece, è la freschezza e la vivacità di Simonelli. Il primo tempo, comunque, continua su questo binario e termina senza altre grandi occasioni da rete.

Il primo tempo della Viterbese non ha per nulla soddisfatto Calabro, che si è sgolato e infuriato per tutti i 45’. Le mosse del tecnico salentino per svegliare i suoi sono Volpe e Urso, entrati a inizio ripresa per Molinaro e Bunino. Al 49’, inoltre, la Viterbese è costretta a sostituire anche Besea, uscito in barella dopo un durissimo scontro testa a testa con Sales. Nonostante i cambi, tuttavia, l’episodio a favore arriva ancora per il Potenza. Al 52’, infatti, dopo una svirgolata, Urso si fa anticipare in area colpendo l’avversario al posto del pallone. L’arbitro comanda il rigore a favore degli ospiti, dal dischetto si presenta Murano. La conclusione è centrale, Pini riesce a parare ma sulla respinta Murano è fortunato e può insaccare il colpo dello 0-2.

La Viterbese non riesce ad accennare la reazione, il Potenza si difende con ordine e senza affanni. Anzi, al 66’ va anche vicino al terzo goal. Soltanto uno strepitoso Pini impedisce alla palla di entrare alle sue spalle per la terza volta, compiendo un miracolo sulla linea di porta. Soltanto con un episodio i gialloblù potrebbero riaprire una partita non giocata bene dai leoni. L’episodio arriva puntuale al 76’: la difesa del Potenza compie un suicidio appoggiando male verso il loro portiere, Volpe ne approfitta e in due tentativi supera Ioime. L’1-2 accende la Viterbese e lo stadio, ma la partita prende una piega opposta a quella sperata. Quattro minuti dopo, infatti, il Potenza trova il 3-1 con una perla di Ricci. Murano si arrampica e fa la sponda, Ricci al volo da fuori area pesca l’angolino e il nuovo doppio vantaggio.

A dieci minuti dalla fine i gialloblù sono definitivamente al tappeto. Tounkara perde la testa e colpisce Ioime volontariamente, rimediando il cartellino rosso. La partita scorre fino alla fine senza ulteriori emozioni, al “Rocchi” vince il Potenza 1-3.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui