Viterbese, drammatico conto alla rovescia. I tifosi tra rabbia e ultime speranze

La domanda è la solita : “Che succederà?”

885
viterbese-monza 3

“Chi non conosce gli sbalzi d’umore del “Patron” della Viterbese Piero Camilli?” Esordisce così il tifoso Paolo B., che si raccomanda di non scrivere il suo cognome. “Lui è un grande uomo e un grande imprenditore – prosegue –  ma ha questo difetto: si inca..a facilmente. D’altronde, vorrei vedere quanti sarebbero rimasti in possesso di calma olimpica al suo posto, dopo la mazzata della squalifica che hanno dato a suo figlio”

Quindi lei sta con Camilli?

Ma certo che sto con Camilli!

Viterbese-Monza

E cosa pensa che succederà lunedì?

“Quello che succederà, per scaramanzia, non lo voglio dire, ma una cosa è certa. La Viterbese è una sua creatura.  Lui la ama svisceratamente. Tutte queste pantomine e questi teatrini per la vendita, ai quali abbiamo assistito in questi giorni, confermano che lui questa squadra la ama. La ama tanto. E, contrariamente a quello che si dice in giro, non la vuole vendere. Questa creatura ci sarà finché lui la amerà, e per me ancora la ama.

Mentre parliamo altri tifosi si sono avvicinati. Uno mi fa: “Io lavoro in tipografia se lunedì succede il fattaccio, stampo subito le carte da morto e le faccio attaccare.”

Quale fattaccio? replico io, facendo il pesce in barile.

La mancata iscrizione al campionato di Serie C. Per Viterbo e per i viterbesi sarebbe una vera sciagura.

Poi ecco intervenire Primo Bastoni che si qualifica subito come “Capo Ultrà Antichi Valori”. Questa storia ci fa soffrire e deve finire, noi chiediamo che la Viterbese sia iscritta subito alla Serie C. Camilli è bravo e ha dato tanto alla Viterbese e a questa città, ma ha vinto la Coppa Italia per culo.

Il culo nelle vita ci vuole sempre, replico io.

Vero, verissimo. Ma qualche volta  Camilli esagera con il suo carattere spigoloso e volitivo. Ma lei lo sa che  disse un giorno, in un momento particolare di rabbia, Camilli a Allegri (ex allenatore della Juventus) e a Sarri (attuale allenatore della Juventus) quando erano allenatori del  “suo” Grosseto?

Non lo so, me lo dica.

In uno scatto d’ira, arrivò a invitarli  a cambiare mestiere.

viterbese

Però a suo merito dobbiamo dire che aveva trovato quanto di meglio offriva il mercato.

Si, sul suo intuito non si discute: ha un grande fiuto. E’ bravo. Ma non ci piace questa tiritera.

Un altro tifoso, dopo avermi chiesto su quale giornale scrivo, mi informa che vuole rispondere a Camilli che si è lamentato del numero  medio degli spettatori allo stadio. E mi cita una statistica stilata sul numero di spettatori delle 69 squadre della serie C,  in questa classifica la  Viterbese si colloca al 30.mo posto, che non è tanto ma non è nemmeno malissimo, se si considera che la nostra squadra ha avuto anche tre partite il mercoledì, che è un giorno lavorativo. Vorrei aggiungere che, comunque, la squadra messa su da Camilli ci ha regalato l’immensa soddisfazione del trionfo di Coppa Italia, ma lascio stare.

Per completare il quadro abbiamo telefonato a Giancarlo Bandini (Segretario di Confimprese) appassionato tifoso gialloblù, uno che il fuoco sacro della passione per i colori gialloblù ce l’ha da bambino.

La domanda è la solita : “Che succederà?”

Giancarlo non si sbilancia e si percepisce che questa vicenda lo sta provando. Ma i toni della sua voce mentre mi dice che è finita, lasciano intravedere ancora una speranza e resta attaccato al telefono in attesa di qualche spiraglio di luce in questa fase che appare tanto buia.

Dulcis in Fundo, abbiamo chiamato il vice sindaco e neo assessore al Termalismo Enrico Maria Contardo, che si sta godendo un pò di mare.

Contardo buongiorno. Che succederà con la Viterbese?

Non ho idea, ma sono ottimista. Tutto quello che era stato chiesto al Comune, noi lo abbiamo fatto. Per il campo di allenamento al quartiere Pilastro, sono iniziati i lavori. Voglio pensare positivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui