Viterbo, coltellata all’addome: pakistano fuori pericolo

Operato d’urgenza a Belcolle, nella notte tra domenica e lunedì aveva avuto un diverbio con un connazionale 31enne arrestato in flagranza

152
belcolle

Tentato omicidio in una casa vicino a piazza della Rocca, la vittima dell’accoltellamento è fuori pericolo. Non ci sono conferme di convalida dell’arresto del pakistano 31enne. Il quale è stato fermato per avere accoltellato all’addome un connazionale di 47 anni. Il tutto si sarebbe svolto in una abitazione di via Terzo Reggimento Granatieri di Sardegna, in pieno centro storico.
Qui, nella notte tra domenica e lunedì è intervenuta la squadra volante, insieme ai sanitari del 118 che lo hanno portato al pronto soccorso di Belcolle. Da qui, la squadra mobile ha avviato l’attività investigativa e il 31enne è stato rintracciato e portato in questura, dove alle 6 è stato compilato il verbale di arresto in flagranza di reato a carico di S. H., nato in Pakistan il 12 marzo del 1988, residente a Viterbo in via Terzo Reggimento Granatieri di Sardegna, in possesso di regolare carta d’identità. Nell’alloggio i poliziotti hanno ritrovato alcuni indumenti con tracce di sangue nonché un coltello da cucina, con lama di più di 20 centimetri, macchiato anch’esso di sangue e verosimilmente utilizzato dall’aggressore per compiere il reato.
Dopo l’urgente intervento chirurgico, la vittima ha dichiarato chi fosse il suo aggressore, confermando quanto emerso dai primi rilievi. Le indagini, portate avanti dal pubblico ministero Eliana Dolce, hanno appurato che il diverbio tra i due stranieri, entrambi regolari, è da ricondurre a futili motivi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui