Il messaggio di Mons. Lino Fumagalli in occasione della cerimonia in ricordo dei defunti dei Club e delle Associazioni del territorio alla Basilica di Santa Maria della Quercia

“Viterbo ha bisogno di riflessione e confronto su tematiche di comune interesse”

119

“In una città come Viterbo, che credo abbia bisogno di momenti di riflessione e confronto su tematiche di comune interesse, potremmo essere significativi e anche trovare nel dialogo vicendevole un arricchimento personale e comunitario”.

Quello rivolto ieri pomeriggio nella Basilica di Santa Maria della Quercia dal Vescovo Lino Fumagalli ai rappresentanti dei Club e delle Associazioni presenti sul territorio è un messaggio volto alla collaborazione, alla crescita e allo sviluppo di una visione comune per il bene della città.

In occasione della cerimonia, in cui si sono voluti ricordare tutti i membri dei Club e delle Associazioni viterbesi che hanno perso la vita durante la pandemia, il Vescovo ha invitato tutti a ricordarli con profonda gratitudine.

“Una gratitudine che diventa preghiera. – ha sottolineato Mons. Fumagalli – Queste nostre celebrazioni servono anche per esorcizzare ulteriormente i tempi che stiamo vivendo in cui tutti – inutile negarlo – abbiamo paura, e offrono anche la possibilità di permettere a tante realtà presenti a Viterbo di fare alcune iniziative significative”.

“Oggi vogliamo ricordare queste persone con gratitudine, per come hanno operato in mezzo a noi. Diciamo ‘grazie’ agli amici, fratelli, membri del gruppo scomparsi, perché grazie a loro ci siamo collegati con coloro che ci hanno preceduto e ora tocca a noi consegnare il testimone a coloro che verranno attraverso la gratitudine”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui