Domani mattina l'inaugurazione del museo dei Portici con le opere di Sebastiano del Piombo

Viterbo inaugura il polo museale urbano e il biglietto unico: sarà gratuito per i residenti

158

Viterbo inaugura il primo polo museale urbano e il biglietto unico per accedere ai principali punti d’interesse della città.

Come ha spiegato il sindaco Arena questa mattina in conferenza stampa, domani verrà inaugurato ufficialmente il Museo dei Portici. Si tratta dell’ “inizio della strada per fare diventare presto tutto Palazzo dei Priori un grande museo. – ha detto il primo cittadino – Grazie all’accordo con Archeoares nasce il biglietto unico, che comprenderà il Palazzo dei Priori e il museo dei Portici, il museo civico Rossi Danielli, il museo della ceramica della Tuscia, il Teatro dell’Unione, il polo monumentale Colle del Duomo, il museo del Sodalizio dei Facchini di S.Rosa”.

Il vice sindaco Laura Allegrini ha chiarito che l’idea del museo è “parte di un finanziamento già approvato, che riguardava lavori per 430 mila euro effettivi. È il tassello di un progetto complessivo per cui l’amministrazione ha destinato moltissimi fondi”.

L’assessore alla Cultura e al Turismo Marco De Carolis ha parlato di un “momento storico per la città”. ‘L’apertura del nuovo museo dei Portici è la prima parte che ci consentirà di musealizzare tutto Palazzo dei Priori. Le opere del Sebastiano del Piombo sono state ricollocate al suo interno. Sono decenni che di parla di biglietto unico, anche qui il percorso è stato certamente non breve, ma alla fine il risultato è arrivato”.

“Il nome MuVi – musei di Viterbo – rappresenta l’idea del polo museale urbano, che nasce per la prima volta e ci colloca al pari di altre città d’arte che hanno fatto di questo la loro ricchezza”, ha poi aggiunto De Carolis.

Gianpaolo Serone di Archeoares ha dichiarato che “il progetto biglietto unico risale a circa 15 anni fa siamo finalmente riusciti a portarlo a compimento. L’idea è quella di musealizzare anche il piano nobile di Palazzo dei Priori permettendo l’apertura tutti i giorni”. Serone ha anche chiarito che l’ingresso per il polo museale sarà gratuito per tutti i residenti di Viterbo, “perché sono luoghi di incontro, oltre che di cultura, e anche luoghi di identità ed è quindi giusto che i viterbesi se ne riapproprino”. Riguardo al logo “MuVi”, Serona ha spiegato che il cerchio rappresenta la stilizzazione della costellazione del Leone, con le tre stelle maggiori, come il simbolo di Viterbo”.

Il sindaco Arena ha concluso ribadendo che grazie a queste novità “Viterbo avrà un ruolo di grandissimo piano tra le città d’arte minori, svolgendo un ruolo di traino importante”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui