VITERBO VERSO LE ELEZIONI COMUNALI GIOVANNI SCUDERI: L’ECONOMIA È UNA QUESTIONE PRIMARIA MA POCHI NE PARLANO

143

Puntuali come le cambiali, in campagna elettorale i politici di mestiere ricompaiono e propongono ricette e soluzioni.
A Giovanni Scuderi, unico candidato espressione della società civile, questo costume politico tutto nostrano non piace e invita i concittadini a mantenere quel sano “dubbio metodologico” di cartesiana memoria verso gli estemporanei annunci proliferanti in questa anomala campagna elettorale.

“Assisto allibito al rimescolamento degli schieramenti politici” – stigmatizza Scuderi – “è come se da un album di figurine le immaginette venissero staccate da una pagina e rincollate su un’altra; ma le facce sono sempre le stesse”.
Questo spiega, secondo Scuderi, la desolante assenza di concreti progetti di sviluppo nei proclami dei candidati oggi in campo.
“Uno dei miei maggiori ambiti d’interesse e di preoccupazione, essendo io imprenditore, è l’economia sostenuta dall’imprenditorialità; stiamo parlando di uno dei maggiori asset del nostro territorio ma nessuno sembra rendersi conto che quello dell’imprenditoria è un settore in sofferenza”.

“Il mio progetto di rinascita prevede l’identificazione delle singole filiere produttive cittadine, l’analisi dei rispettivi problemi e potenzialità, inclusa quella dell’integrazione fra filiere diverse e l’attivazione di politiche attive di sostegno, articolate nelle aree funzionali delle infrastrutture e dei servizi, dello snellimento burocratico e, nei limiti delle competenze comunali, delle agevolazioni creditizie e dell’abbattimento degli oneri.
“In questo rapporto di prossimità ricercheremo costantemente la collaborazione e il contributo di idee e proposte degli stessi imprenditori, essendo gli imprenditori i maggiori esperti in materia di ottimizzazione d’impresa. Contestualmente ascolteremo volentieri anche i lavoratori del bacino imprenditoriale e i loro rappresentanti sindacali e professionali.”

“Negli ultimi anni inoltre ci siamo semplicemente limitati ad assistere indifferenti al progressivo declino della circolazione turistica nel nostro comune e questo ha dell’incredibile se consideriamo l’enorme e articolata offerta di storia, cultura, benessere, religione, enogastronomia etc. della Città dei Papi. È importante a tale riguardo riconoscere che il primo a intercettare e redistribuire la ricchezza derivante dal turismo è proprio l’imprenditore e la crisi di questo settore, direttamente o indirettamente, genera ricadute rilevanti sulla qualità della vita di tutti i cittadini”.
Ecco perché il settore turistico è al centro delle preoccupazioni di Giovanni Scuderi. Ma di questo ne riparleremo in una prossima comunicazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui