Vittorio Sgarbi prende le difese di Matteo Amori ed invita Felice Casini ad entrare nella nuova maggioranza

209
Vittorio Sgarbi
Vittorio Sgarbi, celebre critico d'arte e sindaco di Sutri dal 2018

Il sindaco di Sutri, Vittorio Sgarbi, ieri sera ha voluto prendere le difese (se così possiamo dire) del consigliere Matteo Amori, aggredito in strada a Sutri da un cittadino neanche una settimana fa.

Non sono ancora chiari i motivi che hanno spinto il sutrino ad attaccare Amori, in un comunicato il consigliere ha detto di non escludere un legame tra l’aggressione ed una sua richiesta agli atti presentata al fine di ottenere informazioni su una pratica che, ovviamente, non è stata resa pubblica per motivi istituzionali.

Lo stesso Amori, che all’interno del Consiglio sutrino è capogruppo del gruppo misto, ha fatto sapere che il sindaco Sgarbi, non appena saputo dell’accaduto, ha provveduto a chiamarlo per esprimergli solidarietà.

Proprio ieri sera, Sgarbi ha diramato una nota stampa in cui ha chiesto esplicitamente ai cittadini di Sutri di rispettare il lavoro difficile degli amministratori e anche  quello dei membri dell’opposizione.

“Sono rimasto colpito – dice Sgarbi –  dalla dolente reazione del consigliere Matteo Amori, aggredito e insultato per una legittima richiesta di accesso agli atti, cui l’amministrazione dà, come sempre, la disponibilità a rispondere a garanzia di tutti i cittadini. Da sempre al centro di mille controversie, sarei felice che i cittadini di Sutri dessero l’esempio di continenza e temperanza. È un auspicio del sindaco anche per lavorare in armonia, oltre le labili contrapposizioni politiche”.

Il critico d’arte poi, ieri sera, ha anche voluto fare gli auguri a Felice Casini per la sua nomina a nuovo responsabile provinciale di Italia Viva: “Lo invito ad entrare nella nuova maggioranza, affine alla sua attuale posizione politica. Intanto mi compiaccio con l’amico Matteo Renzi per la scelta felice”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui