Al Lido riaperti gli stabilimenti, mare pulito e case per le vacanze già tutte prenotate 

Weekend primo maggio a Tarquinia, Giulivi: “Le premesse sono buone, si preannuncia un’ottima stagione”

69

Il fine settimana appena trascorso può essere considerato un banco di prova per la stagione balneare. 

Prova superata a pieni voti a Tarquinia, come dichiara il sindaco Alessandro Giulivi.

“Il primo maggio il tempo non è stato molto clemente ma la domenica è andata molto bene, tranquilla e assolata”.

In particolare evidenzia che fino al 1° giugno non è obbligatorio stare aperti ma “credo faccia piacere a molti che abbiamo riaperto gli stabilimenti e le prenotazioni su App dal primo maggio”.

“E’ importante questo mese in più che ci è stato concesso per organizzarci, una sorta di periodo di prova in vista della stagione estiva” sottolinea.

L’amministrazione Giulivi ha emanato un’ordinanza, in vigore per ora sino al 30 giugno, “che è la stessa della Regione e del Governo, in merito alle spiagge aperte inizialmente per l’elioterapia ma anche per quanto riguarda la possibilità di fare il bagno”.

E a tale proposito con soddisfazione rende noto che “le analisi dell’Arpa hanno evidenziato che l’acqua è molto pulita quest’anno e ci sono tutte le condizioni per la balneabilità”.

Molte le persone che si sono godute questo primo fine settimana di maggio al Lido.

“Tanta gente – ammette – anche perché in molti sono venuti a cercare la casa per le vacanze. Quelle poche rimaste, perché sono praticamente già tutte prenotate. Al momento sembra prospettarsi un’ottima stagione”.

Poi, quasi scaramanticamente, aggiunge: “Sperando che il livello dei contagi continui ad abbassarsi, dobbiamo sempre fare i conti con il Covid”.

Ma al di là degli auspici, il sindaco di Tarquinia tiene a rimarcare le misure adottate per un’estate in sicurezza. 

“Noi comunque siamo organizzati. Nell’ordinanza, oltre al distanziamento, ho aggiunto degli obblighi: indossare la mascherina in spiaggia quando ci si allontana dall’ombrellone e il divieto di utilizzare spogliatoi e cabine al di fuori del nucleo familiare convivente. Quindi ci sono delle regole un po’ più stringenti rispetto agli altri anni ma ci dobbiamo convivere, per un’estate più sicura e tranquilla per tutti” conclude Giulivi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui