Wuhan, torna la movida: il virus è solo un brutto ricordo

L'epicentro del virus che sta rovinando il mondo è anche l'epicentro del ritorno alla normalità

181

“One night in Wuhan”: così si intitola l’articolo di Reuters, ricco di immagini e video che ritraggono il popolo cinese tornare alla totale normalità. E’ dunque l’epicentro del Covid19, il luogo da cui (volontariamente o meno, in base alle convinzioni) tutto è partito, al centro della cronaca mondiale di oggi. Mentre il mondo crolla a pezzi, tra economia e socialità, il Paese asiatico ri-parte con la “fiesta“.

Per le strade, nei locali, nelle piazze, nelle sale giochi: tutti tornano in pista, nessuno si tira indietro. Molto probabilmente però, a differenza dell’Italia di questa estate, il popolo orientale può dirsi molto più tranquillo, visto che secondo indiscrezioni gran parte delle popolazione sarebbe già vaccinata.

Spiega il Reuters: Students, musicians, artists and young workers – the backbone of the city’s nightlife scene – told stories of being stuck in their homes for months, many using the opportunity to prepare for a time when the city would recover (Studenti, musicisti, artisti e giovani lavoratori – lo sfondo della vita notturna – raccontano storie della rilegatura in casa per mesi, e alcuni hanno usato questa come opportunità per prepararsi al momento in cui la normale vita cittadina sarebbe stata recuperata.)

Addirittura, viene fotografato un uomo che, probabilmente per aver bevuto troppo alcol, rigetta a terra tutta la sua serata.

Insomma, la vita a Wuhan è tornata proprio la stessa del 2019, e mentre noi siamo ancora in attesa di sapere quando effettivamente arriveranno le prime dosi di vaccino, lì, nel luogo in cui tutto ha avuto inizio, si può fare fiesta e ubriacarsi a non finire.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui